Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Feb 18, 2019 in Salute | 0 comments

L’importanza dell’olio di pesce in un’alimentazione sana

L’importanza dell’olio di pesce in un’alimentazione sana

Quando si assumono supplementi vitaminici e integratori minerali quotidianamente, è possibile che l’olio di pesce sia contenuto in uno di essi.

L’olio di pesce, che contiene Omega-3, aiuta a contrastare una serie di condizioni che influenzano la nostra salute: la degenerazione maculare legata all’età, il dolore da artrite reumatoide, il colesterolo alto, l’asma, la depressione, l’ADHD, le malattie cardiache e può anche aiutare ad avere capelli bellissimi.

Che cos’è l’olio di pesce e quali benefici sulla salute?

Gli studiosi hanno notato che le popolazioni che mangiavano in quantità pesce azzurro e l’olio di pesce, come gli scandinavi e gli inuit, avevano tassi più bassi di malattie cardiache. Molti tipi di pesce, tra cui il salmone, lo sgombro, l’aringa, la trota di lago, le sardine e il tonno bianco, contengono acidi grassi omega-3, un tipo di grasso sano. Due dei più importanti omega 3 nei pesci sono l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA).

A basse dosi, l’olio di pesce può aiutare il cuore di persone che godono di buona salute. In uno studio condotto su 25.871 adulti over 50 con un rischio medio di attacco cardiaco, quelli che avevano preso 1 grammo di olio di pesce, contenente 460 mg di EPA e 380 mg di DHA, ogni giorno per 5 anni, avevano un rischio inferiore del 28% di infarto durante tale periodo. Ma non presentavano un rischio più basso di ictus o morte per malattie cardiache. In effetti, molti studi che miravano a dimostrare che i comuni integratori di olio di pesce riducevano il rischio di malattie cardiache in generale non hanno potuto farlo.

Oltre alla salute del cuore, i ricercatori hanno studiato gli effetti dell’olio di pesce su molte altre condizioni. Si è mostrato che l’olio di pesce potrebbe alleviare i sintomi dell’artrite reumatoide e ridurre la necessità di farmaci per il dolore; inoltre, nelle persone che hanno un rischio superiore alla media di contrarre la malattia di Alzheimer, in quanto hanno la mutazione del gene APOE ε4, alte dosi di DHA prima che i sintomi della malattia si presentino possono rendere meno probabile questa condizione.

Quali gli alimenti a base di Omega 3 da preferire nella dieta?

Prima di assumere un integratore con olio di pesce, consultate sempre il vostro medico. E vale sempre la regola di lavorare in primis sull’alimentazione per cercare di introdurre gli omega3 in modo naturale.

Gli studi dimostrano che le persone che mangiano pesce da una a quattro volte alla settimana hanno meno probabilità di morire di malattie cardiache rispetto a quelli che ne mangiano raramente o mai. Mangiare pesce e crostacei può ridurre il rischio di ictus e perdita di memoria e capacità di pensiero che possono portare alla demenza senile.

Inoltre, negli studi che mostrano i benefici degli integratori di olio di pesce, questi benefici possono essere minori nelle persone che già mangiano molto pesce e maggiori nelle persone che non ne mangiano abbastanza. Ad esempio, nello studio che mostra che 1 grammo di olio di pesce al giorno riduce il rischio di attacchi di cuore, questo era vero solo per le persone che non avevano già mangiato pesce. Tutti coloro che invece avevano mangiato pesce almeno 1,5 porzioni alla settimana, non avevano un chiaro vantaggio.

Gli alimenti ricchi di omega-3 come il pesce azzurro, l’olio di pesce e d’oliva, il riso integrale, hanno un effetto antinfiammatorio e contribuiscono ad avere un organismo in buona salute e di conseguenza anche una prostata sana.

In particolare, l’olio di pesce ha un importante ruolo nella dieta per mantenere in forma la prostata (leggi un articolo interessante su https://www.inpha2000.it ). Infatti, può aiutare a lenire gli stati infiammatori e a contrastare l’aumento del giro vita e della glicemia.

Altrettanto importante è avere una buona idratazione, bere almeno un litro e mezzo di liquidi al giorno tra cui acqua (evitando quella gassata) e tisane come il tè verde, che contengono naturalmente sostanze antiossidanti.

In conclusione, l’olio di pesce non è un toccasana magico, ma un nutriente importante, che non può mancare nella nostra dieta. L’American Heart Association raccomanda due porzioni di pesce alla settimana. Preferibilmente il tipo di pesce che contiene i grassi omega-3.

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *