Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Nov 22, 2018 in Tecnologia | 0 comments

Cuscinetti a rulli cilindrici come funzionano

Cuscinetti a rulli cilindrici come funzionano

Ci sono diverse tipologie di cuscinetti, se non si lavora nel settore o si studiano materie pertinenti, è difficile conoscerne le diverse caratteristiche e di conseguenza i diversi campi d’impiego. Il cuscinetto è un meccanismo di metallo ideato per risolvere il problema dell’usura che si crea tra due elementi in movimento, basti pensare all’albero e al foro di un ingranaggio dove le frequenti sollecitazioni portano inevitabilmente alla rottura di uno o entrambi i componenti. Grazie al cuscinetto, invece, questo attrito viene notevolmente ridotto, preservando la funzionalità delle parti. Tra le varie tipologie di cuscinetto, i cuscinetti a rulli cilindrici trovano impiego in numerosi settori.

Cuscinetti a rulli cilindrici, come funzionano

Posto che una prima classificazione dei cuscinetti viene fatta tra cuscinetti radenti, detti anche bronzine, e cuscinetti volventi, qui ci occupiamo di questa seconda categoria. Come si evince dal nome, si tratta di cuscinetti che agiscono sfruttando il movimento di parti rotolanti interposte tra le parti fisse dell’elemento. I cuscinetti volventi possono essere a sfere, suddivisi a loro volta in ulteriori classificazioni a seconda del numero di corone di sfere e della tipologia di carico che andranno a sopportare; a ingranaggi e a rulli.

I cuscinetti rulli cilindrici hanno una classificazione simile a quelli a sfere, possono quindi essere a una o due corone, rigidi o orientabili e possono avere anche una differente forma per quanto riguarda i rulli.

Cuscinetti a rulli funzionamento e classificazione

cuscinetti a rulli cilindriciI cuscinetti a rulli funzionano esattamente come quelli a sfere. In pratica vi sono un corpo interno e un corpo esterno, all’interno di questi si trova l’elemento rotolante, in questo caso i rulli. I cuscinetti radiali a rulli supportano una forza di carico perpendicolare al proprio asse di rotazione e possono essere a una corona, o più di frequente a due corone. In questo secondo caso vi sono due piste ricavate sull’anello interno che sono inclinate rispetto all’asse del cuscinetto, e su una pista unica con forma sferica che è ricavata nell’anello esterno.

I corpi volventi, quindi gli elementi rotolanti, possono essere cilindrici, a botte, conici. Questa tipologia di cuscinetto è in grado di sopportare carichi radiali anche molto forti e perfino urti, mentre la capacità di carico assiale è limitata.

Quando vengono utilizzati i cuscinetti a rulli

I cuscinetti a rulli vengono utilizzati soprattutto quando si può prevedere che vi siano disassamenti, di lieve entità, tra alloggiamento e albero, oppure in tutte quelle situazioni in cui l’albero può subire una leggera flessione

 

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *